Manuale di sopravvivenza per donne che lavorano in ufficio

Manuale sopravvivenza donne in ufficio

Jessica Bennett, giornalista e scrittrice americana, a partire da ottobre dello scorso anno è stata assunta come prima “gender editor” della storia del New York Times: il suo compito è occuparsi di tematiche e progetti che riguardano la parità di genere e le donne.

Il suo incarico nel giornale americano è cominciato significativamente appena dopo lo scoppio dello scandalo Weinstein, ma in realtà il suo ruolo era già stato immaginato mesi prima.

Ora Jessica Bennett ha scritto un libro, un manuale intitolato Feminist Fight Club. Manuale di sopravvivenza in ufficio per le ragazze che lavorano, che è già divenuto un best seller ed è in corso di traduzione in ben dieci lingue diverse.

Manuale sopravvivenza donne in ufficio

Il saggio contiene una serie di consigli per convincere le donne ad essere più sicure di sé e delle proprie competenze nel mondo del lavoro. È nato come una serie di incontri tra una decina di amiche per capire come sopravvivere al lavoro d’ufficio, ed è divenuto un vero e proprio libro.

Nel manuale si dice, ad esempio, che le donne hanno il doppio di probabilità di venire interrotte durante una riunione (e non solo dai colleghi di sesso maschile), e che quando parlano tendono a scusarsi anche quando non ce n’è bisogno. Occorre invece imparare a far valere le proprie idee, anche per mezzo di piccole accortezze, come la posizione fisica che si assume quando si parla o quando si lavora.

A proposito di posizioni forti, ve la ricordate la posizione da supereroe della dottoressa Amelia Shepard in Grey’s Anatomy?? Poco prima di iniziare un’operazione importante, la dottoressa Shepard suggerisce alla sua assistente di assumere la posa da supereroe:

C’è uno studio scientifico che dimostra che se tieni questa posizione da supereroe per cinque minuti prima di un colloquio o una presentazione importante o un lavoro difficile non solo ti sentirai più sicura, ma andrà sensibilmente meglio“.

Manuale sopravvivenza donne in ufficio

“Do you feel that? We are superheroes.”

Tornando ai contenuti del libro, un’altra tipica dimostrazione dell’insicurezza delle donne è evidente nel momento in cui si cerca lavoro: una donna si candida ad un posto solo se è certa di possedere il 100% delle qualifiche richieste, mentre un uomo si candida anche se possiede appena il 60% delle qualifiche. Questo è un esempio di atteggiamento da copiare dal sesso maschile.

I consigli sono tanti altri, ed è importante rilevare che i “nemici” che emergono dal manuale di sopravvivenza non sono gli uomini, ma i pensieri e gli atteggiamenti stereotipati e sessisti radicati nel tempo. Spesso, infatti, le peggiori nemiche delle donne sono le donne stesse, che storicamente hanno dovuto lottare fra loro per conquistarsi i pochi spazi a loro riservati.

Come sostiene Jessica Bennett, oggi per le donne è importante capire che insieme si fa più strada, e che occorre sostenersi e supportarsi sul lavoro. In poche parole, bisogna essere complici e non in competizione.

In Italia il libro è edito da Salani e costa 14,90 euro.

Vi ha incuriosito il Manuale di sopravvivenza?

Un ottimo weekend dal Team Delight!

Cultura