“Lasciatela lavorare”: le giornaliste sportive brasiliane contro le molestie

Lasciatela lavorare giornaliste Brasile contro le moles

Le giornaliste brasiliano hanno lanciato una campagna contro le molestie sessuali sul posto di lavoro con l’hashtag #DeixaElaTrabalhar, ovvero “Lasciatela lavorare”: in un mondo come quello del calcio, le giornaliste spesso sono vittime di commenti, insulti e attenzioni non desiderate da parte di tifosi e giocatori, che in molti casi avvengono senza che le autorità facciano nulla in proposito.

Tutto è cominciato quando Bruna Dealtry, giornalista di Esporte Interativo, era in collegamento in mezzo ai tifosi del Vasco da Gama. Mentre stava cercando di fare il suo lavoro, la giornalista è stata interrotta da un tifoso che ha cercato di baciarla contro la sua volontà.

Bruna Dealtry si è quindi sfogata sui social network contro questo tipo di atteggiamenti, che possono essere considerati accettabili solo in un mondo sessista e non rispettoso delle donne che lavorano.

Le altre giornaliste brasiliane hanno riconosciuto nella sua storia episodi simili, con i quali hanno purtroppo a che fare quotidianamente. Le donne hanno quindi iniziato a confrontarsi fra loro e hanno deciso che era arrivato il momento di far sentire le proprie voci.

In questo modo è nata la campagna #DeixaElaTrabalhar, tramite la quale le donne chiedono di essere rispettate in quanto esseri umani e in quanto professioniste. Hanno poi realizzato un video in cui raccontano i motivi della protesta e dichiarano di non essere più disposte ad accettare molestie sul posto di lavoro.

Vi lascio con il video della campagna “Lasciatela lavorare”, che è stato trasmesso sui principali social network e sui canali sportivi e ha raggiunto in poco tempo milioni di visualizzazioni.

Cultura