Kat Von D: “Cresceremo nostro figlio vegano e senza vaccini”. Scattano le critiche.

vaccini

La polemica continua dopo Kat Von D ha annunciato su Instagram che crescerà suo figlio vegano e senza vaccini. La tatuatrice risponde alle critiche.

Kat Von D è una famosa tatuatrice americana diventata ancora più influente sul piano internazionale dopo aver fondato una linea di trucchi che porta il suo nome. Di recente è convolata a nozze con Rafael Reyes, dal quale aspetta il primo figlio.

L’indignazione degli utenti è scaturita quando ha postato su Instagram una foto in primo piano del pancione dichiarando:

I knew the minute we announced our pregnancy that we would be bombarded with unsolicited advice. Some good and some questionable – unsolicited none the less. I also was prepared for the backlash and criticism we would get if we decided to be open about our personal approach to our pregnancy. My own Father flipped out on me when I told him we decided to ditch our doctor and go with a midwife instead. If you don’t know what it’s like have people around you think you are ridiculous, try being openly vegan. And, if you don’t know what it’s like to have the entire world openly criticize, judge, throw uninformed opinions, and curse you – try being an openly pregnant vegan on Instagram, having a natural, drug-free home birth in water with a midwife and doula, who has the intention of raising a vegan child, without vaccinations. My point being: I already know what it’s like to make life choices that are not the same as the majority. So your negative comments are not going influence my choices – actual research and educating myself will – which i am diligently doing. This is my body. This is our child. And this is our pregnancy journey. Feel free to follow me on here if you like what I’m about – whether it’s tattooing, lipstick, Animal Rights, sobriety, feminism, ridiculous gothiness, black flower gardening, cats, or my adorable husband. But if you don’t dig a certain something about what I post, i kindly ask that you press the unfollow button and move the fuck on. So before anyone of you feel inspired to tell me how to do this, I would appreciate you keeping your unsolicited criticism to yourself. More importantly, for those who have amazing positive energy to send my way, I will gladly and graciously receive it with love! X

A post shared by Kat Von D (@thekatvond) on

“So già cosa vuol dire fare delle scelte di vita che non sono le stesse della maggioranza, quindi i vostri commenti negativi non influenzeranno le mie scelte. Questo è il mio corpo. Questo è nostro figlio. Sentiti libero di seguirmi se ti piace quello di cui sto parlando, che si tratti di tatuaggi, rossetti, diritti degli animali, sobrietà, femminismo, abbigliamento gotico, coltivare fiori neri, gatti o il mio adorabile marito. Ma se non riesci a capire qualcosa di ciò che pubblico, ti chiedo cortesemente di premere il pulsante unfollow.”

Le critiche degli utenti si sono scatenate soprattutto per le scelte di Kat Von D di crescere il figlio vegano e senza farlo vaccinare. Una dieta senza i derivati animali, è il commento della maggior parte di loro, potrebbe essere molto pericolosa per la crescita di un bambino, che andrebbe incontro a un deficit di vitamina B12. Inoltre non vaccinare il figlio, metterebbe in pericolo non solo il bambino stesso, esponendolo a malattie mortali e facilmente prevenibili, ma anche i bambini con cui entrerebbe in contatto.

Migliaia di persone hanno iniziato a boicottare il brand tanto che la tatuatrice ha risposto dopo qualche giorno di silenzio stampa:

“Io e Reyes non siamo contro i vaccini. Solo perché abbiamo delle esitazioni e delle valide preoccupazioni a far iniettare nostro figlio con miscele chimiche e tossine, non significa che siamo contro questa pratica. Anche se non crediamo che tutte le medicine, inclusi i vaccini, siano dannose – non possiamo negare che alcune potrebbero rivelarsi come tali.”

Ha specificato che non parlerà dell’argomento in futuro, ma è certo che queste sue dichiarazioni le sono costate molti followers e clienti.

Cultura