Gwyneth Paltrow e la multa di 145 mila dollari per pubblicità ingannevole

Gwyneth Paltrow

L’attrice Gwyneth Paltrow è stata multata dal tribunale di Los Angeles per “pubblicità ingannevole”.

Dieci anni fa nasceva Goop, il sito web creato da Gwyneth Paltrow per condividere i suoi consigli di lifestyle. Oggi Goop è diventato un business da 250 milioni di dollari. C’è chi lo definisce un contenitore di consigli da ciarlatani, c’è chi invece è disposto a pagare 4500 dollari per prendere parte a uno dei suoi workshop; insomma Goop o lo si ama o lo si odia.

Non è la prima volta che il sito dell’attrice è centro di polemiche e, questa volta, il marchio di lifestyle ha accettato di pagare una multa di 145 mila dollari dopo essere stata messa sotto indagine dalla Napa County Superior Court.

Al centro della disputa, alcune affermazioni non veritiere sulle uova vaginali, usate da alcune donne per mantenere elastici i muscoli del pavimento pelvico. Secondo il sito, tali uova hanno il merito di stimolare la contrazione spontanea della contrazione intima, per esempio nel post-parto, ma anche di “bilanciare gli ormoni, aumentare il controllo della vescica e aiutare a regolare i cicli mestruali”. Inoltre, grazie all’essenza di Inner Judge Flower, queste uova avrebbero il potere di “aiutare a prevenire la depressione”. Queste ultime affermazioni, oggi rimosse dal sito, sono state sanzionate dall’ufficio del procuratore distrettuale dopo un’indagine condotta dalla Californa Food Drug and Medical Device Task Force perché non supportate da prove scientifiche.

“È importante sanzionare aziende che con le loro affermazioni sono in grado di influire potenzialmente sulla salute delle donne” ha spiegato in un comunicato ufficiale Tony Rackauckas, il procuratore distrettuale di Orange County. Il portavoce di Goop ci ha tenuto a precisare che l’azienda “Non ha ricevuto nessun reclamo sui prodotti”, ma i claim pubblicitari errati sono stati ora rimossi dal sito.

Le Jade Eggs e le Rose Quartz sono ancora in vendita, rispettivamente al costo di 66 e 55 dollari, ma l’azienda ha precisato che rimborserà chi ha acquistato il prodotto tra i mesi di gennaio e agosto 2018.

Cultura