Wonder Woman, l’eroina di casa DC

wonder-woman

Il primo di giugno arriva nelle sale italiane il nuovo attesissimo film della DC, Wonder Woman.

wonder woman

Il film diretto da Patty Jenkins, vede come protagonista l’attrice Gal Gadot nei panni di Diana di Themyscira, principessa delle amazzoni.

Addestrata fin da piccola dalla madre, la regina Hippolyta (Connie Nielsen), per diventare una grande combattente, Diana scopre di avere grandi capacità. Il suo destino cambia quando sulle coste di Themyscira atterra con un atterraggio d’emergenza Steve Trevor (Chris Pine), pilota americano. La storia di Steve mette Diana di fronte a una realtà sconcertante: tra gli uomini si abbatte un atroce conflitto mondiale a cui lei decide di porre fine. Wonder Woman quindi si arma di scudo e spada per correre in soccorso della Londra del 1918, in piena Prima guerra mondiale. Sotto le sembianze di Diana Prince, la principessa si trasformerà nella supereroina Wonder Woman per sconfiggere il Doctor Poison (Elena Anaya), dottoressa assodata dall’esercito tedesco per creare composti chimici letali e porre fine alla guerra.

Diana sarà aiutata nella sua impresa dalla segretaria di Trevor Etta Candy (Lucy Davis), donna moderna e determinata, e la coppia di soldati composta da Saïd Taghmaoui nei panni di Sameer, mago della truffa e Ewen Bremner, che interpreta l’ex cecchino Charlie.

wonder womna 2

Il film girato sulla Costiera Amalfitana, è stato positivamente accolto dalla critica e definito “il miglior film DC Universe ad oggi“. Il bisogno di un’eroina in un genere cinematografico dominato da supereroi è stato finalmente soddisfatto. Diana Prince si presenta come icona femminista in un mondo allora e anche oggi generalmente maschilista. Lo stesso William Moulton Marston, creatore del personaggio nel 1941, aveva definito Wonder Woman “Il miglior rimedio per rivalorizzare le qualità delle donne” per questo si era sentito in dovere di creare “un personaggio femminile con tutta la forza di Superman ed in più il fascino di una donna brava e bella”.

Cultura