Via le Ombrelline dalla Formula 1

Ombrelline Formula 1

La Formula 1 ha deciso di rinunciare ad uno dei suoi elementi più famosi e apprezzati dal grande pubblico: la presenza delle Ombrelline (“grid girls”, in inglese), ovvero di quelle giovani e belle ragazze che reggono un cartello con il numero del pilota che rappresentano. Il loro nome, Ombrelline, deriva dal mondo della MotoGP, in cui le ragazze tengono un ombrello aperto sulla testa dei piloti.

In Italia si tratta di donne selezionate presso delle agenzie di modelle, mentre in America esistono dei veri e propri siti sui quali si possono reclutare le grid girls, come il più celebre umbrellagirls.com.

Eppure, un grosso vento di novità ha soffiato sul mondo dello sport: Liberty Media, la società che ha acquistato la Formula 1 dalle mani dello storico patron Bernie Ecclestone, ha stabilito che la pratica di esporre delle ragazze come bambole accanto agli uomini-eroi non è più in linea con la società contemporanea. Al loro posto, la griglia di partenza sarà popolata da vip, performer e invitati.

Sean Bratches, il managing director della F1, ha così spiegato la scelta rivoluzionaria: “Nell’ultimo anno (il primo della nuova gestione) abbiamo notato molte aree dello spettacolo che hanno bisogno di essere aggiornate e adeguate a quella che è la nostra visione dello sport”. L’utilizzo delle Ombrelline “è stato per decenni un elemento di base della F1. Oggi, invece, sentiamo chiaramente che questa pratica non è più consona con i valori del nostro marchio, ed è chiaramente in disaccordo con le regole di base della società moderna”.

Bratches conclude così: “Non pensiamo dunque che questa pratica sia più appropriata e nemmeno più tanto rilevante per la Formula 1 e per i suoi fan. Sia quelli nuovi, sia quelli vecchi, in tutto il mondo.

In effetti, le Ombrelline rappresentano un mondo in cui lo sport era una questione “da uomini” e in cui le donne erano un bel vedere, senza possibilità di esprimere opinioni o commentare. Il mondo è cambiato, e la scelta di Liberty Media non fa che confermarlo.

E voi, che cosa ne pensare di questa scelta?

Un ottimo weekend dal Team Delight!

Cultura