Thirteen Reasons Why ora su Netflix

Thirteen Reasons Why

Thirteen Reasons Why, Tredici in Italia, è il nuovo teen drama di Brian Yorkey disponibile su Netflix a partire dal 31 marzo.

Tratto dall’omonimo libro di Jay Asher, Thirteen Reasons Why racconta la storia della morte misteriosa di una ragazza di nome Hannah, che si suicida all’inizio del film.

thirteen reasons why

 “Ciao sono Hanna, Hanna Baker. Esatto, non smanettate su.. qualsiasi cosa stiate usando. Sono io, in diretta e stereo. Nessuna replica, nessun bis e questa volta assolutamente nessuna richiesta. Mangia qualcosa e mettiti comodo, perché sto per raccontarti la storia della mia vita. Anzi, più esattamente il motivo per cui è finita. E se tu hai queste cassette è perché sei uno dei motivi”.

Sono queste le parole che l’amico di liceo Clay Jensen (Dylan Minnette) ascolta dopo aver trovato sull’uscio di casa una scatola con sette cassette registrate da Hannah, in cui lei spiega i tredici motivi che l’hanno spinta ad uccidersi.

thirteen reasons why

Thirteen Reasons Why: Perché vederla

La serie televisiva ha spopolato in America per la sensibilità e la durezza con cui tratta temi estremamente delicati: depressione, suicidio, violenza sessuale e stalking. La varietà delle tematiche trattate rende questa serie adatta non soltanto ad un pubblico adolescenziale, a cui è principalmente diretto, ma anche ad un pubblico adulto.

La serie è una porta che apre gli occhi sul mondo adolescenziale odierno: una foto, come i pettegolezzi o i social media possono portare all’annullamento di una persona. La storia di Hannah si impone come esempio e denuncia per tutti quegli adolescenti che non hanno il coraggio di esternare le proprie paure. La sua vicenda fa capire come piccoli gesti e scherzi possano influenzare la vita di un individuo ad un livello profondo e invita a non lasciar correre e a prendere sul serio i problemi che purtroppo sono presenti nella vita di tutti i giorni degli adolescenti di oggi.

Cultura