Serie TV 2017: Emerald City, arriva la nuova Dorothy

Serie TV 2017: Emerald City

Dimenticate le scarpette rosse ed il viso sognante di Judy Garland o quello sornione di James Franco, il Mago di Oz è tornato in TV e non ha l’aspetto rassicurante che ricordavate. Emerald City è la nuova trasposizione televisiva de Il Mago di Oz, una delle serie TV più interessanti di questo 2017. Il classico della letteratura e del cinema si contorna di un’aurea oscura e di una nuova eroina, una coraggiosa e moderna Dorothy, interpretata da Adria Arjona.

La lista delle vostre serie TV 2017 si arricchisce di un nuovo titolo: Emerald City, la nuova trasposizione televisiva del classico Il Mago di Oz. La prima puntata andata in onda ieri sera per la NBC sancisce un nuovo capitolo nella trasposizione dei classici.

“Quando non ci sarà più niente di nuovo da creare, avremo sempre il passato da cui prendere spunto”

Il leitmotiv delle serie tv degli ultimi anni è proprio questo: ripescare dal passato storie e personaggi e farli rivivere in tv rinnovati e riletti in una chiave completamente inaspettata.

Emerald City,questa nuova trasposizione del classico, appare inaspettata e fuori dagli schemi. Il mago di Oz non è mai stato così moderno, oscuro e lontano dall’immaginario comune.

La prima puntata della serie è andata in onda ieri sulla NBC che ha deciso di puntare su questa serie con 10 episodi lanciati da un trailer mozzafiato.

Serie TV 2017: Emerald City

Il classico si presenta in una vesta completamente reinventata. Restano solo i punti di riferimento cardine della narrazione: abbiamo Il Mago di Oz  interpretato da Vincent D’Onofrio e la protagonista Dorothy, interpretata da Adria Arjona, già vista in True Detective.

La Dorothy Gale interpretata da Adria Arjona è più adulta, rispetto alle altre trasposizioni, e come da copione e trasportata dal solito tornado nel mondo di Oz insieme al suo cane poliziotto K9.

E’ in questo nuovo mondo che Dorothy incontra Oz, Vincent D’Onofrio, e le streghe che lo popolano: Joely Richardson e Florence Kasumba. Ci sarà l’incontro anche con uno strano spaventapasseri con cui Dorothy avrà una storia.

Il Mago di Oz nasce dalla penna di L. Frank Baum nel 1900, nuovo secolo e nuove modalità di parlare ai più giovani con un romanzo che riscriverà le regole del genere e che influenzerà la cultura moderna.

Un successo senza tempo reso immortale dalla trasposizione cinematografica del 1939, con la regia di Victor Fleming resa ancora più celebre dall’interpretazione di Judy Garland. Con il film Il Mago di Oz smette di essere un racconto per i più piccoli e diventa un’icona intramontabile del cinema americano e entra di diritto nell’immaginario collettivo.

Chi di noi non ricorda i personaggi de il mago di Oz? Le scarpette di Dorothy o la mitica Over The Rainbow?

Tutti elementi che difficilmente ritroveremo in Emerald City ma che tuttavia ci forniranno gli strumenti per immaginare una nuova Dorothy, magari più vicina a noi.

Cultura