Come riordinare la libreria

riordinare-libreria

Lunghe e uggiose giornate autunnali che ci costringono a stare a casa, un trasloco estivo che ha riempito casa nuova di scatoloni pieni di libri. E’ arrivato il tempo di riordinare la libreria, di trovare la giusta collocazione ai nostri adorati libri. Una guida semplice, un consiglio per la lettura per uno dei momenti che ogni amante della lettura almeno una volta nella vita ha dovuto affrontare: riordinare la libreria. Facciamolo con divertimento e allegria e scopriamo come rimettere a nuovo la nostra libreria.

 

La libreria non è più quel contenitore informe che ospitava libri scolastici, vecchie enciclopedie, è uno degli elementi più belli che arricchiscono il soggiorno e la sua organizzazione permette di avere, oggi, uno degli elementi di arredo più in voga.

Libri posizionati in modo diverso, intervallati da piccole scultore, oggetti vintage, quadri e foto, sono gli elementi che compongono le librerie moderne e di design.

La libreria diventa essenziale: sono i tomi e le decorazioni a fare la differenza.

Ma se nella nostra libreria regna il caos e disordine, come far tornare l’armonia e tra sformare un accumulo informe in un oggetto di design?

L’unico cosa che possiamo fare è riordinare la libreria, prenderci un’intera giornata per affrontare quello che da troppo tempo rimandiamo.

Vestiamoci comodi, mettiamo su la nostra musica preferita ed iniziamo!

La nostra guida in questo faticoso viaggio sarà Marie Kondo e Il magico potere del riordino – Il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita (Vallardi), il bestseller del momento.

Il libro è una guida semplice, un insieme di consigli pratici per rimettere ordine in casa e nella nostra vita, davvero un acquisto imperdibile.

Marie Kondo offre un metodo che si riassume in tre semplici step: svuotare la libreria, completamente, ed una volta posati a terra dividerli tra quelli che si vogliono tenere e quelli da cui ci si vuole separare.

Per la nostra cultura o almeno per quella di noi appassionati di libri, buttare o separarsi dai nostri amati libri è semplicemente impensabile. I libri, quindi, che non vogliamo avere nella libreria del soggiorno potranno essere riposti nel alte libreria della casa o regalati ad enti di beneficenza.

Una volta terminata questa fase possiamo procedere a dividere i libri in ulteriori categorie:

  • i libri da leggere
  • i manuali e i libri per lo studio/lavoro
  • i libri da collezione
  • le riviste e i giornali

I libri da leggere troveranno posto nella parte più accessibile della libreria, quelli di uso pratico potrebbero occupare un’altra porzione ed essere sempre a portata di mano e i ricettari essere spostati in cucina, quelli da collezione possono occupare parti più remote o trovare posto in bella vista sul tavolino della sala anche.

Le riviste potrebbero essere oggetto di una nuova ripartizione e trovare un luogo a parte, i libri scolastici, universitari che non consultiamo più potrebbero essere riposti o assegnati allo studio.

Prima di precedere alla sistemazione sugli scaffali procuriamoci un secchio pieno di acqua fredda con qualche goccia di un detergente delicato e un panno in microfibra e puliamo a fondo la nostra libreria.

In questo modo avremo una libreria in ordine e tuttavia funzionale!

Il lavoro di riordino potrebbe continuare con una ulteriore divisione in generi e autori o nella nostra libreria potrebbe trovare spazio un’intera sezione dei libri che abbiamo amato di più.

C’è chi lavora anche suddividendo in base alla casa editrice. Le opinioni in merito sono tante, il concetto fondamentale è trovare un nostro modo di riordinare la libreria e soprattutto trasformarla da contenitore informe ad oggetto di arredamento.

Aggiungiamo alla raccolta di libri anche piccole decorazioni o oggetti di arredamento: ferma libri, piccole candele e oggetti vintage che possiamo trovare in soffitta, insieme ai libri riposti in orizzontale e in verticale riusciremo a creare la libreria dei nostri sogni.

Cultura