Ricordi di un'altra Vita…

airman medal

Traslocare vuol dire anche aprire “scatole” di ricordi! Qualche giorno fa ho ritrovato foto, ritagli di giornali e tanti altri oggetti legati al mio periodo nell’U.S. Air Force (dal 2002 al 2007): il campo d’addestramento in Texas, la mia “unit” a Dover, il mio lavoro…molto speciale.
A volte mi sembra di avere vissuto tante vite…e questa è una di quelle che mi porterò sempre dentro e dalla quale ho scoperto una forza che non conoscevo ma anche tante debolezze.
Molti di voi sapranno che, durante il mio periodo nell’Air Force, ho lavorato nell’unico “Port Morturary” degli Stati Uniti, a Dover, dove mi sono occupata del rimpatrio dei militari morti per cause non naturali e fuori dagli USA: principalmente provenienti da Afghanistan e Iraq ma non solo. Il mio era un team speciale che si è occupato, tra le altre cose, degli attacchi dell’11 Settembre e della tragedia dello shuttle Columbia (io non ero ancora “attiva” in entrambe le operazioni ma ho ascoltato i racconti dei miei colleghi di allora): è stato il loro duro e toccante lavoro di riconoscimento che ha permesso di restituire alle famiglie i propri cari nella maniera più dignitosa possibile.
Ma se state pensando che tutti i miei ricordi possano essere tristi, vi sbagliate! Ho conosciuto dei grandi professionisti ma anche dei grandi uomini e delle grandi donne: abbiamo riso tanto e, al momento giusto, portato grande rispetto verso chi non c’era più ma dipendeva da noi.

Tante volte mi hanno chiesto come ho fatto a vedere quello che ho visto e fare quello che ho fatto senza restarne traumatizzata: la verità è che siamo molto più forti di quello che pensiamo e per me quella ne è stata la prova. Ogni volta che ho un momento difficile o sono insicura, penso alla mia esperienza in divisa e capisco che non ci sono limiti alla perseveranza, passione e impegno.
Ecco alcune foto che parlano di questo pezzo di vita passata ma sempre con me…

P.S.: Vedrete che il “leitmotiv” sono le mille variazioni su come scrivere il mio nome! 😀

La mia mimetica: l'ho stirata talmente tanto che mi sorprende non sia diventata trasparente!

La mia mimetica: l’ho stirata talmente tanto che mi sorprende non sia diventata trasparente!

La mia uniforme "blues"! Vedermi con questa durante il mio giuramento, è stato un momento pieno di orgoglio e consapevolezza.

La mia uniforme “blues”! Vedermi con questa durante il mio giuramento, è stato un momento pieno di orgoglio e consapevolezza.

Il mio borsone! Qui dentro ho messo l'occorrente per sopravvivere tre mesi in Texas!

Il mio borsone! Qui dentro ho messo l’occorrente per sopravvivere tre mesi in Texas!

Lettere di compagne di corso…scritte a mano!!! :-D Condividere tre mesi d'inferno, ci ha unite per sempre!

Lettere di compagne di corso…scritte a mano!!! 😀 Condividere tre mesi d’inferno, ci ha unite per sempre!

Sulla rivista dell'Air Force con i miei colleghi! Da notare il "tuppo" perfetto :-D : i capelli lunghi sono ammessi ma devono essere sempre legati e mai toccare il colletto dell'uniforme!

Sulla rivista dell’Air Force con i miei colleghi! Da notare il “tuppo” perfetto 😀 : i capelli lunghi sono ammessi ma devono essere sempre legati e mai toccare il colletto dell’uniforme!

Sulla pagina di un quotidiano siciliano con Brian (che non è un "marine" ma è in marina, aka NAVY mentre io non ero un soldato ma un aviere)! :-D

Sulla pagina di un quotidiano siciliano con Brian (che non è un “marine” ma è in marina, aka NAVY mentre io non ero un soldato ma un aviere)! :-D

Con i miei mitici CAPI durante una cerimonia a New Orleans dove hanno premiato la mia "unit".

Con i miei mitici CAPI durante una cerimonia a New Orleans dove hanno premiato la mia “unit”.

I messaggi in codice dei colleghi sotto il berretto...

I messaggi in codice dei colleghi sotto il berretto…

I miei stemmi...

I miei stemmi…

La mia medaglia!

La mia medaglia!

La lettera del Generale...

La lettera del Generale…

Una pagina dal manuale in cui si parla del nostro lavoro e di come affrontare certe situazioni...

Una pagina dal manuale in cui si parla del nostro lavoro e di come affrontare certe situazioni…

AIRMAN COIN: ti viene consegnata personalmente dal Generale alla fine del corso d'addestramento, in una cerimonia molto emozionante, durante la quale sei ricoperta di fango e puzzi come un cassonetto della spazzatura...

AIRMAN COIN: ti viene consegnata personalmente dal Generale alla fine del corso d’addestramento, in una cerimonia molto emozionante, durante la quale sei ricoperta di fango e puzzi come un cassonetto della spazzatura…

Punto G