Moms Don’t Quit: la campagna contro le dimissioni in bianco

Moms Don't Quit

Forse in questi giorni vi è capitato di vedere in televisione una pubblicità particolare: alcune mamme leggono ai propri bambini una lettera in cui li informano di essere costrette a dare le dimissioni dal proprio lavoro di madri per poter continuare a lavorare fuori casa. La reazione dei bambini è molto tenera: strappano la lettera in lacrime chiedendo alle mamme di non rinunciare né a loro né al lavoro.

Si tratta del video di promozione di una campagna chiamata Moms Dont’ Quit (le mamme non si dimettono), ideata da FCB Milan in collaborazione con il gruppo RCS, che ha l’obiettivo di smuovere l’opinione pubblica sul delicato argomento delle donne che sono costrette a lasciare il lavoro dopo essere rimaste incinte.

Tutti conoscerete sicuramente il triste fenomeno delle dimissioni in bianco, ovvero quelle lettere di dimissioni che alcuni datori di lavoro fanno firmare alle proprie dipendenti al momento dell’assunzione, per poterle utilizzare nel caso di una loro futura gravidanza.

Sul sito della campagna è possibile firmare una petizione per convincere le istituzioni a fare in modo di eliminare per sempre questa malsana abitudine, che tra il 2014 e il 2015 ha costretto 800mila neomamme a lasciare il posto di lavoro.

Oltre alla petizione, chi vuole può filmare un video in cui strappa un simbolico foglio bianco e pubblicarlo su Facebook o Instagram con l’hashtag #momsdontquit.

Sul loro sito trovate il video della campagna e tutte le informazioni.

Qui nel blog parliamo spesso di forza femminile tramite tanti esempi del passato e del presente e ripetiamo ancor più spesso che le donne possono fare qualunque cosa. Ancora più importante è il fatto che le bambine e i bambini devono impararlo sin da piccolissimi, ad esempio osservando la loro mamma che è in grado di crescerli e di lavorare proprio come il loro papà.

Speriamo che la campagna Moms Don’t Quit riesca a cambiare qualcosa.

Vi auguro un bellissimo weekend!

Un saluto dal Team Delight!

Cultura