Libere: storie di donne partigiane

donne partigiane

Il 25 aprile è una data fondamentale per la storia italiana, ma quando si parla di Resistenza e di partigiani vengono spesso raccontate solo le storie di eroi uomini. Eppure, oggi si sa che furono moltissime le donne partigiane coinvolte nella resistenza e che fu fondamentale il loro contributo alla storia di liberazione delle donne, oltre che dell’Italia.

A partire dal 20 aprile, in molti cinema italiani verrà trasmesso il film Libere di Rossella Schillaci, un lungometraggio che si occupa proprio di questa parte di storia spesso trascurata. Schillaci ha realizzato il film montando immagini e audio originali, tratti dall’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza e da altri istituti di ricerca.

Ha inserito le interviste a moltissime donne della Resistenza, che raccontano l’importanza che quel momento storico ha avuto nel loro mondo. Ad esempio, la partigiana Giuliana Gadola Beltrami afferma che il “femminismo è nato nella Resistenza”, poiché le donne lottavano a fianco degli uomini sulle montagne, rinunciando al ruolo di casalinghe che gli andava stretto. Anche le operaie, che volevano un salario uguale a quello degli uomini (siamo nel 1945, ma il gender pay gap è un tema ancora attualissimo nel 2017!) intravidero nella lotta partigiana la possibilità di creare un mondo migliore.

Eppure, il film mostra come dopo la guerra le speranze di un mondo più equo si spensero rapidamente: “Nel ’45 ci siamo trovate davanti ad una Restaurazione più che a una Liberazione”, afferma una delle partigiane. In effetti, le donne tornarono ad essere casalinghe, madri di famiglia, segretarie. Il mondo non era ancora pronto a cambiare in modo così radicale.

Dopo la Liberazione, ci vollero infatti ancora una ventina d’anni prima che l’Italia fosse di nuovo pronta a mettere completamente in discussione i ruoli di genere.

Avete mai letto o visto testimonianze di donne partigiane? Vi incuriosisce questo film?

Io andrò sicuramente a vederlo!

Un ottimo venerdì dal Team Delight!

Cultura