Halloween? Meglio, Chanel-o-ween! Perché guardare Scream Queens

scream queens

Scream Queens è una serie tv a metà tra il genere horror splatter e la commedia, ideata da Ryan Murphy, Brad Falchuk e Ian Brennan, i creatori di Glee e American Horror Story. In essa ritroviamo infatti due delle attrici più amate dal pubblico delle serie precedenti, ovvero Emma Roberts e Lea Michele.

La prima stagione è ambientata in un college, dove Emma Roberts interpreta Chanel Oberlin, anche detta Chanel n°1, ragazza ricca e viziata a capo della confraternita Kappa Kappa Tau e di un gruppo di ragazze soprannominate Chanel n°2, Chanel n°3, Chanel n°4… e così via.  Nel campus iniziano una serie di omicidi compiuti dal misterioso Red Devil, e le “scream queens” (o almeno, quelle che sopravvivono!) dovranno scoprire chi si nasconde dietro alla maschera del serial killer.

È una serie ricchissima di protagoniste femminili, assolutamente non perfette, ma forti e coraggiose, che si trovano spesso a riflettere sull’essere donne oggi: epica è la scena della mensa, in cui le ragazze devono difendersi da commenti poco carini da parte di alcuni ragazzi, e Chanel n°1 dice di aver imparato in un corso obbligatorio di Studi sulle donne (sì, è una materia universitaria e sì, è molto importante studiarla) che la cultura che oggettiva il sesso femminile è la stessa che porta le giovani ad avere complessi sul proprio fisico e disturbi alimentari: (dal minuto 1.50)

Trovo che sia brillante il modo in cui vengono spinti all’estremo tutti i difetti della società contemporanea, con personaggi talmente stereotipati da risultare grotteschi ma, allo stesso tempo, irresistibili. L’ape regina Chanel Oberlin con le sue seguaci è, ad esempio, l’estremizzazione in chiave ironica delle varie Blair Waldorf e Regina George che abbiamo conosciuto nella storia della televisione. Per non parlare dei maschi che, a differenza della controparte femminile, sono quasi sempre dei bambocci senza cervello, con un effetto di rovesciamento del cliché narrativo “uomo eroe – donna bambola”.

La serie poi è ricca di richiami ad altre serie tv e al cinema horror anni ’80 e ’90: troverete citazioni da Scream, Il silenzio degli innocenti, Shining, Non aprite quella porta… Da non perdere è la scena nella doccia della meravigliosa Jamie Lee Curtis, figlia di Janet Leigh, l’attrice che interpretò Marion Crane in Psycho:

scream queens

Infine, visto che siamo nel periodo giusto, c’è la divertentissima invenzione dello Chanel-o-ween, ovvero Halloween secondo Chanel: macabro, cattivo e politicamente scorretto. Beh, per i protagonisti di una commedia-horror non esiste momento migliore dell’anno, non trovate?

scream queens

In questo momento è in onda su Fox la seconda stagione, ambientata in un ospedale, con i sopravvissuti agli omicidi della prima stagione. Vista l’accoglienza di pubblico non proprio caldissima ho la sensazione che la genialità di Scream Queens non sia stata compresa fino in fondo, motivo per cui vi invito a scoprirla e a giudicare con i vostri occhi!

Chi la segue? Cosa ne pensate?

A presto e… happy Chanel-o-ween!

Cultura