“Femminismo” è la parola dell’anno 2017

femminismo parola dell'anno 2017

Il 2017 si sta concludendo e il dizionario americano Merriam-Webster ha eletto la parola dell’anno: Feminism. Il vocabolo femminismo è stato il termine più ricercato durante l’anno, con dei picchi in corrispondenza di alcuni importanti eventi politici e sociali.

Il primo picco nelle ricerche è avvenuto in seguito alla Women’s March, ovvero la marcia avvenuta a Washington a 24 ore dall’elezione del nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. La marcia ha coinvolto migliaia di individui in tutto il mondo e, secondo il dizionario Merriam-Webster, ha stimolato le persone ad informarsi sul significato del termine femminismo.

Altri due momenti del 2017 che hanno visto aumentare le ricerche sul vocabolo in questione sono legati al mondo dello spettacolo: la prima volta dopo l’inizio della serie tv The Handmaid’s Tale, ovvero Il racconto dell’ancella (ne parliamo qui), e la seconda volta dopo l’uscita del film Wonder Woman, una delle icone femministe più celebri della storia.

In tempi recenti, la ricerca del termine femminismo sul vocabolario è stata causata dai tristi ma frequentissimi episodi di molestie sessuali denunciati dalle donne che hanno dato il via alla campagna #MeToo.

Il dizionario Merriam-Webster fornisce le due definizioni più attuali di femminismo, una più teorica e una più pratica: “la teoria della parità politica, economica e sociale dei sessi” e “attività organizzata in nome dei diritti e degli interessi delle donne”.

La scelta del dizionario conferma la sempre maggiore sensibilizzazione dell’opinione pubblica al tema dell’emancipazione femminile e della parità di diritti tra uomo e donna.

Dopo la parola femminismo, il dizionario americano ha scelto altre 9 parole altrettanto importanti, che potete trovare a questo indirizzo.

Buon 2018 dal Team Delight!

Cultura