“Di padre in figlia”: la fiction Rai che racconta l’emancipazione delle donne

Di padre in figlia

La Rai, se da una parte sembra tornare indietro di 50 anni nell’elencare i motivi per cui conviene sposare una donna dell’Est, perfetta massaia dall’inesauribile libido a totale disposizione del maschio italico (se non sapete di cosa parlo leggete qui), dall’altra pare recuperare dignità intellettuale proponendo una fiction che si preannuncia interessante, intitolata “Di padre in figlia”.

Di padre in figlia: la trama della nuova fiction rai

La serie si concentra sulla storia di una famiglia del nord est raccontata a partire dagli anni ’50 fino agli anni ’80, con la particolarità di assumere il punto di vista delle donne della famiglia, la madre (Stefania Rocca) e le figlie. Una “Meglio gioventù” al femminile, come l’ha definita una delle autrici, Francesca Marciano.

“Di padre in figlia” propone quindi il confronto tra due sorelle, ciascuna con uno sguardo diverso sul mondo, un po’ come avveniva in Piccole donne (chi di noi da bambina non avrebbe voluto essere Jo?). C’è Elena, interpretata da Matilde Gioli, che punta tutto sulla propria bellezza, e poi c’è Maria Teresa (Cristiana Capotondi), che cerca per tutta la vita l’approvazione del padre, che invece si concentra solo sul figlio maschio.

L’aspetto più interessante della serie è senza dubbio l’ingresso della storia vera nella fiction, in particolare quando arriva il 1968, anno in cui la figlia maggiore Maria Teresa va a iscriversi all’università contro il volere del padre e scopre le battaglie femministe per i diritti civili, per le leggi sull’aborto e sul divorzio.

Di padre in figlia: una sfida al femminile

Di padre in figlia è stata ideata dalla regista Cristina Comencini, da sempre impegnata sul fronte dell’uguaglianza di genere, ed è stata firmata da tre donne. Penso che l’idea di raccontare tre storie di formazione al femminile sia una scelta da applaudire, soprattutto per far conoscere a chi quegli anni non li ha vissuti quanto le donne abbiano dovuto lottare per ottenere ogni piccolo successo, anche quelli che oggi vengono dati per scontati.

La serie andrà in onda dall’11 aprile e sarà suddivisa in 4 puntate da 90 minuti.

Vi incuriosisce?

Buon weekend dal Team Delight!

Cultura