Da Weinstein a Spacey, le vittime di abusi si fanno coraggio

Kevin Spacey

Qualcosa è cambiato. Sull’onda del caso Weinstein, ogni giorno nuove vittime di abusi e molestie sessuali si fanno coraggio e decidono di denunciare i propri aggressori.

Come Emma Thompson ha commentato in un’intervista, Weinstein non altro che la punta di un iceberg di un sistema di abusi e molestie che è stato parte del mondo femminile da sempre. Dopo Weinstein, il famoso fotografo Terry Richardson è stato ostracizzato dal colosso editoriale Condé Nast, dopo le infinite testimonianze di modelle e attrici. La casa editrice ha deciso che non lavorerà più con lui.

Kevin-Spacey

L’ultimo caso scandalo arriva dal protagonista di House of Cards, Kevin Spacey. Accusato di molestie sessuali dall’attore della serie tv Star Treck Discovery, Anthony Rapp, che afferma di esser stato molestato dall’attore nel 1986, quando lui aveva 14 anni e Spacey 26.

Tutto è successo a casa di Spacey, ad un party. Rapp, unico ragazzino presente alla festa, era andato nella camera dell’attore a vedere un po’ di tv. Rimasto solo a festa finita, Spacey è entrato in camera e gli avrebbe fatto delle avance a sfondo sessuale.

La risposta di Spacey alle accuse ha sollevato molte critiche. Nello stesso tweet postato per scusarsi dell’accaduto, di cui tra l’altro non ha ricordi, Spacey fa coming out.

spacey

“Ho molto rispetto e ammirazione per Anthony Rapp come attore. Mi ha fatto orrore sentire la sua storia. Sinceramente non ricordo quell’episodio che risale a più di 30 anni fa e che è frutto di un comportamento inappropriato legato ai fumi dell’alcol. Ma se mi sono comportato come lui dice, gli faccio le mie più sincere scuse.

Questa storia mi stimola a raccontare di più sulla mia persona. […] Nella mia vita ho avuto relazioni sia con donne sia con uomini. Ho amato e avuto incontri romantici con diversi uomini nel corso della mia vita e ora ho deciso di vivere da uomo gay. Voglio affrontare la cosa onestamente e apertamente”

Gli utenti non hanno reagito bene al cinguettio di Spacey, ritenendo che l’attore abbia giocato la “carta del coming out” per distogliere l’attenzione dalle accuse ricevute. Ma, dopo Weinstein, siamo entrati in una nuova era, dove chi è vittima viene ascoltato.

A seguito delle accuse, Netflix annuncia che la sesta stagione di House of Cards sarà l’ultima.

Cultura